Meet the Pros: Alessandro Sabelli

                      JCU Athletics Department Coordinator and Manager of                               ASD Stone Tower Sports Club

One of the most important skills for a professional that wants to start and develop his/her career is implement the “entrepreneurial” attitude. Acting like an entrepreneur does not necessarily mean that you have to start your own business; you can be an “entrepreneur” even if you work for a company or an organization. The entrepreneurial attitude is what pushes you to go beyond the tasks required and to take the initiative.

Alessandro Sabelli, Coordinator of the JCU Athletics Department, shared his professional experience, his extra-work initiatives in the humanitarian field, and gave some relevant piece of advice for young professionals on how to develop an entrepreneurial attitude. 

  1. What is your role and commitment at JCU? How do you enjoy it?

I am one the Athletics Department Coordinators and the Manager of ASD Stone Tower Sports Club, contractor for all the sports activities at JCU. Managing the JCU Athletics Department takes up most of my working time and often I follow the Sports Company bureaucracy, when not in the AD Office. It is quite a dream job, working everyday with a great team, surrounded by sports and people coming from all over the world.

The upcoming Handball School Instructor Course, in collaboration with FIGH and CONI, will, hopefully, be the first of a long list of courses, to give our community the possibility to keep learning and diversify their horizons. We hope that this is going to give us the chance to create a stronger relationship with these agencies, so that our community can benefit from it.

  1. Do you believe that humanitarian initiatives and volunteering can be stimulating for your everyday job?

Helping others, from our friends to someone we don’t know, makes us better people. This is what could make the world a better place. Helping is easy, depending on what we have in mind, and there are so many ways to do so. Few years back, I decided to start raising money for medical research and created “Walk For Research,” at its 2nd edition now, starting on August 26th. Every now and then, we should take a bit of time to help others. This does not mean that we will need to travel down-under (I suggest any reader to do it, as it is a great experience), because help could be needed right next to us. The great sense of hope we gain from these activities gives us the power to develop ourselves in the way we dream.

  1. Given your “entrepreneurial” attitude, do you have any advice for JCU students and alumni on how to develop it?   

Being entrepreneurial means being versatile and being patient, as not everything will go your way immediately, especially at the beginning of your career path. Be perseverant. Study hard and work hard. Remember also that it is never too late to start something new. Be honest with yourself, understand what you really love and what you really need. And don’t be afraid to follow a difficult path that leads to your dream work.

Incontra il professionista: Alessandro Sabelli

Coordinatore presso il Dipartimento Sportivo della Cabot e               Manager di ASD Stone Tower Sports Club

Una delle competenze più importanti per un professionista che vuole iniziare e sviluppare la propria carriera è l’attitudine “imprenditoriale.” Essere imprenditore non vuole dire necessariamente che bisogna dare inizio ad un’attività propria; si può essere “imprenditori” anche lavorando per un’azienda o un’organizzazione. Lo spirito imprenditoriale è ciò che spinge ad andare oltre i compiti stabiliti e a prendere l’iniziativa.

Alessandro Sabelli, Coordinatore del Dipartimento Sportivo della Cabot, ha condiviso la sua esperienza professionale, le sue iniziative in campo umanitario e ha condiviso dei consigli preziosi per i giovani professionisti che vogliono sviluppare il loro spirito imprenditoriale.

  1. Che tipo di ruolo ricopri alla Cabot e quanto ti impegna? Ti piace quello che fai?

Sono uno dei Coordinatori del Dipartimento Sportivo e sono il Manager dell’ASD Stone Tower Sports Club, appaltatore per le attività sportive alla Cabot. La gestione del Dipartimento Sportivo della Cabot impiega la maggior parte del mio tempo e spesso mi occupo anche di vari aspetti burocratici, quando non sono in ufficio all’Università. Per me è un lavoro stupendo, perché ho la possibilità di lavorare tutti i giorni con un team fantastico, avendo a che fare con diversi sport e gente da ogni parte del mondo.

Il prossimo corso per Istruttori di Pallamano, in collaborazione con la FIGH e il CONI, sarà, se tutto va bene, il primo di una lunga serie di corsi che permetteranno alla nostra comunità di continuare ad imparare e di diversificare i propri orizzonti. Speriamo che questo ci permetterà di creare una relazione più solida con questi enti, così da permettere alla nostra comunità di beneficiarne.

  1. Pensi che essere attivi in campo umanitario e nel volontariato possa essere stimolante per il lavoro di tutti i giorni?

Aiutare gli altri, che si tratti di amici o di persone che non conosciamo, ci rende migliori come individui. È proprio questo per potrebbe rendere il mondo in cui viviamo un posto migliore. Aiutare è semplice, a seconda di ciò che si vuole fare, e ci sono molti modi per farlo. Qualche anno fa, ho deciso di iniziare a raccogliere fondi per la ricerca medica e ho creato la “Walk For Research,” adesso alla sua seconda edizione che inizierà il 26 agosto. Ogni tanto bisognerebbe trovare il tempo per aiutare gli altri. Ciò non vuol dire che si deve necessariamente arrivare dall’altra parte del mondo per farlo (cosa che consiglio comunque di fare perché è un’esperienza fantastica), in quanto proprio le persone accanto a noi potrebbero avere bisogno del nostro aiuto. Il grande senso di speranza che si ricava da tali attività ci dà la forza di crescere migliorando.

  1. Dato il tuo spirito “imprenditoriale,” hai qualche consiglio per gli studenti e laureati Cabot su come svilupparlo?

Essere imprenditore vuole dire essere versatile e paziente, perché non tutto andrà nel verso che volete voi, soprattutto all’inizio della vostra carriera. Siate perseveranti, studiate tanto e lavorate sodo. Ricordatevi sempre che non è mai troppo tardi per iniziare qualcosa di nuovo. Siate onesti con voi stessi, capite cosa amate davvero e di cosa avete bisogno. Non abbiate mai paura di seguire una strada difficile se vi può condurre al lavoro dei vostri sogni.

By

Giorgia Tamburi, JCU Career Services and Continuing Education Assistant

Center for Career Services & Continuing Education 
John Cabot University 

cropped-jcu_high_res.jpg